E i francesi che si incazzano*.

Pioggia di risposte dalla Francia alle parole pronunciate ieri da Viviane Reading, come era lecito aspettarsi. I toni sono di forte chiusura, con pochissimi spiragli di apertura al dialogo.

Se il commissario francese Barnier invita a stemperare i toni e cerca di gettare acqua sul fuoco, invitando tutti quanti ad usare una maggiore compostezza nelle parole utilizzate, facendo soprattutto riferimento al paragone fatto dalla Reading con i nazisti.

Da altre sponde piovono fuoco e fiamme. In particolare due esponenti del governo di Sarkozy hanno espresso, tracimando un pochino di grandeur nazionale, tutto il loro disappunto (eufemismo). Pierre Lellouche, ministro per gli affari europei, ha chiaramente detto che la pazienza della Francia è giunta al limite. Invece, Nadine Morano, ministro della famiglia, ha vinto la palma per l’uscita più sballata, questa:  “la France est une nation souveraine; on n’a pas des leçons de morale à recevoir d’une commissaire qui représente un petit pays [le Luxembourg] de 350 000 habitants. Nous sommes un grand pays de 57 millions d’habitants”. Tradotto per che non masticasse il francese, che il paese che lei sta rappresentando è una grande nazione di 57 milioni di abitanti e non accetta lezioni morali da chi proviene da un paese popolato solo da 350.000 anime (ovvero il Lussemburgo).

Beh che dire complimenti vivissimi, al di là del fatto che il paese da 350.000 abitanti ha un PIL che è il triplo di quello della Francia, proprio una reazione di grande intelligenza politica.

Ora però l’attenzione è tutta concentrata sulla prima reazione del Presidente francese, la cui voce tarda a farsi sentire. Soprattutto sarà interessante vedere se cavalcherà l’onda dell’indignazione governativa di queste ore oppure preferirà giocare il ruolo del pompiere.

Update: ecco che arrivano anche le parole di Nicolas Sarkozy, il quale ha semplicemente invitato la reading ad accogliere i ROM in Lussemburgo se tanto ci tiene.

Wooooooooooooo si va alla guerra, altro che pompiere.

* Citazione di una grande canzone di Paolo Conte “Bartali”.

One response to “E i francesi che si incazzano*.

  1. il fatto è che il lussemburgo è molto legato al potere bancario, la francia è piena invece di gente che si fa il mazzo….grazie che fanno piu PIL…l’europa è in mano alle banche, che non si sa? non è certo espressione di volontà popolare.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s