Agente 00Ashton, missione Polo Nord

Nuova materia da trattare per Lady Ashton dopo l’approvazione martedì scorso, da parte del Parlamento Europeo, di una risoluzione che esorta l’Unione Europea a definire il proprio ruolo all’interno della disputa sul Polo Nord.

No, non si tratta di una battuta.

Il Polo Nord è da qualche anno diventato uno dei terreni di scontro della nuova guerra fredda, quella per la conquista delle maggiori riserve energetiche. Attori protagonisti tutti i paesi che confinano con la banchina artica, con la Russia ovviamente nel ruolo dell’attore protagonista, che nel 2007 ha piantato sotto la calotta polare la propria bandiera rivendicando come proprie 1.200 Kmq di acque artiche. 

Oltre alle già citate ricchezze energetiche (stimate intorno al 20% dei giacimenti ancora non scoperti nel mondo)giocano un ruolo importante nel rendere il Polo Nord una zona geopoliticamente calda anche: lo scioglimento a causa dei cambiamenti climatici di parte della banchisa polare, o comunque la riduzione del suo spessore, che permette l’apertura di nuove rotte commerciali e la particolarità dello status giuridico internazionale dell’area artica, per cui l’area non è governata da alcuna legge o norma internazionale.

Quale sarebbe il ruolo dell’Unione Europea in tutto questo. Dei 7 paesi costieri (USA, Russia, Canada, Danimarca, Finlandia, Svezia e Norvegia) tre sono membri dell’Unione Europea e proprio da loro arriva l’esortazione di una strategia comune forte in grado di far valere il peso dell’intera Unione nella regione. In vista anche della decisione da parte delle Nazioni Unite, attesa per il 2014, su di una nuova definizione dello status internazionale del Polo Nord.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s