Icesave, l’Islanda dice di no….. ormai il referendum è inevitabile.

Come previsto venerdì scorso la delegazione islandese incaricata di trattare con inglesi e olandesi una soluzione alla questione Icesave è tornata a casa con una nuova bozza di accordo.

La proposta prevedeva un pagamento del debito più dilazionato nel tempo e con un tasso d’interesse del 5,5%, ovvero una riduzione di due punti rispetto a prima.

L’offerta è stata però rifiutata dal governo islandese, o meglio, dai partiti islandesi tranne quello che guida il governo, che ha dovuto accettare la decisione della maggiornaza.

Durante il weekend tutte le forze politiche dell’isola si sono riunite congiuntamente, per discutere e alla fine è prevalso il no. Dalle reazioni seguite alla decisione appare chiaro capire come ancora una volta i socialdemocratici di Johanna  Sigurdardottir fossero gli unici disposti ad accettare una via di soluzione, per quanto dolorosa fosse, al problema Icesave in modo da scongiurare lo scontato voto negativo del 6 marzo prossimo. 

A questo punto, stante anche la concomitante crisi di governo olandese, appare chiaro che il referendum si farà e che la strada per risolvere la questione sarà tremendamente complicata. 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s