Nelle trattative per Icesave entrano in scena anche gli Stati Uniti.

Secondo un memo segreto pubblicato ieri dai principali quotidiani, il governo islandese avrebbe chiesto all’ambasciatore americano Sam Watson di perorare presso il suo omologo inglese la causa islandese all’interno dell’affare Icesave. L’intenzione sarebbe quella di far accettare a Londra un piano più tenero nei confronti di Reykjavik, attraverso il coinvolgimento anche della Norvegia nel pagamento del debito.

Sempre dal memo emergerebbe la preoccupazione per la stabilità politica della piccola islandese, nel caso in cui il referendum bocciasse il piano Icesave.

Tale iniziativa è stata confermata dallo stesso ministro degli Affari Esteri islandese, Össur Skarphédinsson.

Nel frattempo però le trattative si sono nuovamente bloccate. La delegazione islandese ha infatti fatto ritorno a casa questa mattina, mentre nessuna indiscrezione trapela da ambo le parti. La sensazione però è che questo weekend potrebbe essere quello decisivo, in particolare da più parti si sospetta che nel ritorno in Islanda la delegazione porti con sè anche la bozza finale dell’accordo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s