Pioggie di polemiche su Cathy Ashton per la sua decisione di non recarsi ad Haiti

Piovono le polemiche sulla testa di Catherine Ashton per la sua decisione di non andare ad Haiti questo weekend, preferendo rimanere a Londra (o a Bruxelles?).

A guidare il fronte dei critici ovviamente popolari e verdi che lamentano che ancora una volta l’Europa non é presente in una delle zone nevralgiche del mondo. Ma é un po’ tutta la stampa a lamentarsi di tale decisione, accusando Cahty Asthon di confermare quello che si temeva già, ovvero l’intenzione di non dare nessuna visibilità all’Unione Europea e alla sua azione.

Personalmente ritengo che invece l’Alto Rappresentante faccia bene a non andare ad affollare ulteriormente lo spazio aereo haitiano (come ha detto il suo portavoce). In primo luogo per una questione tecnica visto che non spetta a lei andare ma bensí a de Gucht (commissario europeo per lo svilppo) dover andare visto che la macchina di ECHO é sotto la sua competenza. Cosa che infatti accadrà.

La Ashton avrebbe fatto sicuramente presenza, magari guadagnato qualche minuto sui TG, e sarebbe presto dimenticata. Nulla più.

Quello che dovrebbe essere fatto, e chi se ne frega se é propaganda, é sottolineare l’importanza dell’aiuto europeo, spiegare come funziona la macchina di ECHO e coordinarla al meglio. Insomma far capire alla gente che l’Unione c’é e lavora, anche a costo di non avere tempo di passare 5 minuti in televisione.

Per chi volesse farsi un’opinione dei pro e contro sulla decisione di Lady Ashton, segnalo tra i pro Julien Frisch e tra i contro Coulisses e Bruxelles2.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s