Audizione dei nuovi commissari/10. Antonio Tajani, Maroš Šefčovič

È il turno di coloro che si presenteranno davanti alle rispettive commissioni competenti lunedí 18 gennaio. Particolarità a differenza dei loro colleghi questi commissari sosteranno le loro audizioni a Strasburgo.

I commissari sono:

  • Antonio Tajani (Italia) Vicepresidente e Commissario Industria e Imprenditoria;
  • Maroš Šefčovič (Slovacchia) Vicepresidente e Commissario Relazioni interistituzionali e Amministrazione;

Antonio Tajani

Chi é. Riconferma con cambio di portafoglio per il commissario italiano che nel precedente gabinetto Barroso aveva sostituito a metà percorso, Franco Frattini assumendo però la competenza dei trasporti. Tajani che non ha mai ricoperto nessun ruolo di prestigio a livello nazionale ha acquisito però, nel corso degli ultimi quindici anni, un solido background di politico europeo che lo ha portato, gradino dopo gradino, a quello che é il vertice della sua carriera.

L’attribuzione a Tajani del portafoglio Industria e Imprenditoria, non é stata cosa sgradita al governo di Roma che trova cosí una sicura sponda per alcune poltiche volte a difendere il sistema delle piccole e medie imprese da sempre prima voce della produzione industriale italiana.

Portafoglio. Il portafoglio che assumerà Tajani ha subito alcune modifiche importanti rispetto al passato. Non sarà più competente in modo esclusivo per i prodotti farmaceutici e cosmetici finita a John Dalli, cosí come si vede sfilare dalle mani il compito di coordinare il Consiglio economico transatlantico passato a Commercio. Dall’altro campo assumerà invece il compito di guidare lo sviluppo del progetto Galileo.

La sfida principale che attende il futuro commissario sarà quella di dare respiro ed aiuti al tessuto delle piccole e medie imprese europee, colpite dalla crisi economica. Gran parte della sua azione sarà peró spesa ad operare in coordinamento con altri commissari, dato che il settore industriale dovrà scendere a compromessi con l’ambiente, la lotta al cambio climatico, la salute e la protezione dei consumatori.

Linee guida del suo mandato. Lo stesso Tajani nel suo programma definisce le piccole e medie imprese come la priorità della sua azione politica. Per questo l’adozione dello Small Business Act (SBA), che mira a promuovere una corsia preferenziale per la piccola impresa, e le facilitazioni all’accesso ai crediti stanziati dalla Banca Europea degli Investimenti sono le prime due misure che intende mettere in pratica.

In materia di ricerca e sviluppo invece l’intenzione di Tajani é quella di di elaborare un “Piano d’azione a favore dell’innovazione” che si articolerà in quattro componenti: un approccio più ampio all’innovazione che vada al di là della Ricerca e dello Sviluppo; la concentrazione del bilancio UE su quegli aspetti che permetteranno di avere un impatto più decisivo; il miglioramento delle condizioni quadro; e il sostegno all’innovazione nel settore pubblico. Insieme a questo Tajani conta di riuscire a portare a conclusione anche il progetto Galileo.

Commissione giudicante. Spetterà alla commissione parlamentare Industria, ricerca e energia (ITRE) affrontare l’audizione del commissario italiano.

Luogo e data dell’audizione. Strasburgo, lunedí 18  gennaio dalle ore 18.00 alle ore 21.00 presso la sala LAW S 1.4 del Parlamento Europeo.

 

Maroš Šefčovič

Chi é. Sarà un’audizione al calor bianco per Šefčovič? Sarà veramente la sua la testa che il PPE farà rotolare per salvare la Jeleva? Vedremo. Quello che é certo, che gli attacchi da parte di alcuni parlamentari di centro-destra non hanno esistato a giocare pesante accusando il potenziale commissario di essere anti-rom. Accuse rispedite al mittente dallo stesso Šefčovič e che sono state parzialmente depotenziate dalla difesa che le organizzazioni rom slovacche hanno fatto del futuro commissario.

Per Šefčovič si tratta comunque del secondo mandato come commissario europeo anche se il primo é durato appena pochi mesi, visto che ha sostituito il connazionale Jan Figel alla guida di Educazione e Cultura, solamente il 1 ottobre 2009.

Portafoglio. Applicazione del Programma di Stoccolma ma soprattutto completamento e attuazione pratica del Trattato di Lisbona e del Servizio Esterno, queste sono le materie su cui Sefcovic sarà chiamato a rispondere tra 5 anni. Accanto ad esse tutta la gestione burocratica europea e il compito di far rispettare pienamente, da parte dei governi nazionali, i regolamenti e le direttive europee.

Linee guida del suo mandato. Attuazione rapida ed efficace del trattato di Lisbona questa la priorità della sua agenda politica che si concretizerebbe attraverso l’adozione di nuove norme sugli atti delegati ed esecutivi, sulle iniziative dei cittadini europei e a favore di meccanismi che permettano ai Parlamenti nazionali di controllare che la sussidiarietà funzioni a dovere.

Commissione giudicante. Il commissario slovacco si presenterà davanti alla commissione parlamentare Affari costituzionali (AFCO).

Luogo e data dell’audizione.  Strasburgo, lunedí 18  gennaio dalle ore 18.00 alle ore 21.00 presso la sala LAW N 1.4 del Parlamento Europeo.

One response to “Audizione dei nuovi commissari/10. Antonio Tajani, Maroš Šefčovič

  1. Pingback: Writing for (y)EU | Dante call Brussels

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s